Come bruciare calorie con il tappeto elastico

Saltare è  molto divertente ma pure faticoso, perchè necessita dei movimenti dell’intera muscolatura, soprattutto delle gambe e delle cosce, eseguendo pure degli esercizi, lo sforzo incrementa e quindi pure le calorie bruciate. Se non si è mai usato il tappeto, a seconda di come tale attrezzo si presenta, sembra che non si faccia fatica perché è divertente.

Dimagrire divertendosi con il tappeto elastico.

Il salto implicherà uno sforzo, in pratica si imprime una forza diretta su un corpo che va a creare attrito e pure soltanto 30 minuti di salto sono tanti e corrispondono a circa 90-96 Kcal in un’ora, ma tale durata si consiglia soltanto a chi si allena da un po’ con questo tipo di attrezzo, è pari a circa 180 Kcal, considerando però un programma di allenamento pensato da un istruttore oppure in palestra nel corso di una delle discipline nate per l’uso di tale strumento.

Secondo alcuni studi di ricercatori americani, il saltellare rappresenta il metodo di allenamento maggiormente efficace e funzionale inventato, considerando che il movimento di accelerazione e decelerazione nel corso della fase di salto e di rimbalzo vada a creare un incremento della forza di gravità che permette di dimagrire velocemente.

La stima eseguita su un allenamento di circa 40 minuti di salto di un utente di peso medio di 60 Kg è di 405 Kcal, tali dati potrebbero far pensare al salto sul tappeto come una sostituzione alla corsa, allo step oppure al tapis roulant.

Non c’è nulla da dover imparare, se non salirci sopra con i piedi nudi, oppure magari indossando calze leggere, e saltare, con l’accortezza di non avere i piedi umidi oppure bagnati per poter evitare una non aderenza al materiale e di non avere il rimbalzo giusto che si sprigiona dal peso e dalla forza che si va ad imprimere nel tappeto saltando. Ovviamente i primi salti saranno meno alti rispetto a quelli che seguiranno, ma non sarà difficile da usare evitando le cadute.

Per scendere dal tappeto, sarà necessario dover rallentare la forza del salto fino a ridurre totalmente il rimbalzo, potendoci scendere andando ad evitare sollecitazioni alla schiena o magari eventuali improvvise cadute. Sarà anche utile, per sentirsi maggiormente sicuri nel corso del primo uso, installare la rete di sicurezza, in particolare se il tappetto è di elevate dimensioni. Se invece lo si usa in palestra, bisognerà cercare di eseguire prima dei salti non dando spinte pesanti oppure accelerate fino a comprendere come sarà meglio per se stessi usare l’attrezzo. Altri approfondimenti sul sito www.sceltatappetoelastico.it.